PARROCCHIA SS. ANNUNZIATA - VIA PO, 45 - 10124 TORINO - TEL. 011 817 14 23

orario messe - orario confessioni - orario ufficio

HOME

31/5/20 - PENTECOSTE, anno A


Sospinti dallo Spirito del Risorto che qui ci riunisce per fare di noi la Chiesa ľ parola che ha la stessa radice del nome dello Spirito, il Paraclito, Colui che aggrega i dispersi, dalla solitudine alla comunitÓ ľ risaliamo alla sorgente geografica del nostro esistere: Gerusalemme, il Cenacolo. Pu˛ insinuarsi, come molte volte avverrÓ nella storia della Chiesa, il timore, la paura che il mondo sovverta, intacchi e stravolga la veritÓ di cui siamo depositari: l'evento Cristo.
Ma nel Cenacolo si rinnova anche per noi la novitÓ del mandato, della missione che dirada la paura, riassumibile in una sola parola: Perdono. ╚ la forza da immettere nel susseguirsi degli avvenimenti che intessono la storia personale, sociale, mondiale. Troncare, superare il male, ogni male che divide, ogni guerra, ogni volontÓ predatoria, ogni attentato alla libertÓ dell'uomo e individuare, unire da tutte le diversitÓ il bene. "Stette in mezzo a loro", in mezzo a noi, il Risorto, ed ecco le sue parole: "Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete, saranno perdonati". E, adesso come allora, questa Ŕ la gioia, la forza, lo spirito dell'essere di Cristo: "I discepoli gioirono al vedere il Signore".
La memoria di questo giorno entra nella narrazione, in Atti, del fatto. La novitÓ non Ŕ conquista umana per un mondo nuovo, Ŕ iniziativa di Dio, improvvisa dunque. L'esperienza Ŕ come di un Vento, di un fuoco, di un rumore, categorie povere per dire l'evento che caratterizza l'essere "tutti insieme", l'essere Chiesa. Il risultato che prende avvio per il villaggio globale Ŕ un linguaggio nuovo che supera Babele, il contrapporsi delle lingue e coglie al di lÓ della pluralitÓ e diversitÓ l'elemento che caratterizza l'uomo e l'umanesimo cristiano: il linguaggio operativo dell'amore. L'uomo diventa l'unica via per raggiungere Dio e Dio attraverso il suo amore percorre la strada dell'incarnazione, del dono della vita, della vita eterna per raggiungere ogni uomo.
Non dunque un solo popolo, una sola cultura, una sola religione. Siamo depositari di quanto lo Spirito opera per noi, qui, anche oggi. Rende operante e vivo il Cristo che ci dice quanto la sua presenza sia per noi, per la nostra identitÓ, e per tutti e dunque la nostra missione. Paolo ce lo ha ricordato: "Battezzati in uno solo Spirito, i diversi ministeri, compiti nella Chiesa, nella societÓ, nei rapporti interpersonali sono per formare un solo corpo. Abbiamo un solo Signore, un solo Spirito, un'unica origine, una sola "meraviglia" operata in quel Cenacolo che diventa oggi la nostra Chiesa.
31/5/20

Letture: At 2,1-11; Sal 103; 1 Cor 12,3b-7.12-13; Gv 20,19-23


Torna alla pagina iniziale
Visualizza tutte le omelie


don Ezio Stermieri
Le omelie