PARROCCHIA SS. ANNUNZIATA - VIA PO, 45 - 10124 TORINO - TEL. 011 817 14 23

orario messe - orario confessioni - orario ufficio

HOME

17/2/21 - MERCOLEDI' delle CENERI


Inizia la Quaresima, un tempo "sacro", quando ciascuno e l'intera assemblea fa spazio al Santo, a Dio, indispensabile per i 40 giorni che ci conducono alla Pasqua. un numero, 40, che ritornante nella Scrittura, da No, al popolo ebraico, a Ges stesso e dice un percorso, un cammino, una traversata da una situazione ad un'altra quando Dio stesso che fa strada e noi lo seguiamo.
La Quaresima ha una sua storia che risale lontano nella esperienza della vita cristiana. Da quando la Chiesa propone al paganesimo che la circonda una via nuova da percorrere rispetto alle tradizioni, alle feste che la gente viveva. Quando prima di riprendere, nella primavera incipiente, il duro lavoro della terra, delle officine e la triste condizione di una vita povera, il servo si mascherava da padrone, il malato da dottore, il vignaiolo da proprietario della vigna per fare in burla una rivoluzione, che metteva in risalto ancor pi la debolezza dell'essere di carne, precari, alla merc del destino. Poi finito il carnevale tutto ritornava come prima. La Chiesa con il Vangelo in mano ripeteva: non il caso che ti mascheri: il tuo essere polvere divenuta croce che ti segna (e noi stiamo per ripetere il gesto) ti svela la tua vera dignit: s, poca cosa ma redenta, liberata, salvata. Mettiti in un cammino di conversione, cio ritorna indietro se hai sbagliato strada e vai avanti per la via del Vangelo.
E si avviava la Quaresima verso la vita nuova che la Croce e la risurrezione di Ges immetteva nella Terra nuova, per una nuova umanit. Ecco perch Paolo ci ha ripetuto: lasciatevi riconciliare con Dio. E anche Ges ce lo ha ripetuto nella pagina evangelica: togli la maschera del benefattore quando aiuti qualcuno perch Dio ti vede nel profondo e sa che senza maschera gli assomigli. Togli la maschera del devoto quando preghi perch Dio conosce le ansie del tuo cuore e chi ti alleato, amico. Togli la maschera dello scontento nei tempi difficili. Anzi lavati, profumati, fatti forza perch Dio ha voluto conoscere la tua povert e ti d la forza per andare oltre.
Ma non basta che qualcuno si convinca e provi a smascherarsi delle tante maschere di un carnevale continuato. Il profeta Gioele ci ha detto che una questione di popolo perch ogni et ha le sue maschere che rendono irriconoscibili. Per questo suona il corno che invita alla battaglia contro l'ipocrisia, la bugia paurosa, il lamentarsi perch manca il superfluo divenuto indispensabile.
La Quaresima cammino di popolo perch a vicenda ci si incoraggia, aiuta, si vincono le insidie della strada da percorrere. Insieme diventiamo forti e il nostro essere di carne, polvere che si disperde nella Pasqua partecipe di una risurrezione che investe il tempo e ci introduce nel "per sempre" di Dio.

17/2/21

Letture: Gl 2,12-18; Sal.50; 2 Cor 5,20-6,2; Mt 6,1-6.16-18


Torna alla pagina iniziale
Visualizza tutte le omelie


don Ezio Stermieri
Le omelie