PARROCCHIA SS. ANNUNZIATA - VIA PO, 45 - 10124 TORINO - TEL. 011 817 14 23

orario messe - orario confessioni - orario ufficio

HOME

3/4/21 - Sabato Santo - "in Resurrectione Domini", anno B


Una sola parola, che una generazione trasmette a quella che viene fin dal popolo della Prima Alleanza, riassume la narrazione della Parola ascoltata e diviene canto di questa veglia pasquale: Alleluia, lodate Jahv.
Lo squillo di gioia sale dalla bellezza e bont del creato, tracimazione della bellezza e amore di Dio che si nasconde e rivela nell'armonia del cosmo, nei colori e nei suoni della vita. Ma ancor pi in quel Vangelo iniziale quando Dio allo stravolgimento che l'uomo fa della libert come orgogliosa autosufficienza promessa la donna, l'uomo del "s"; "s" che coinvolge anche noi rinati dall'acqua e dallo Spirito battesimale.
L'alleluia sale dalla storia e i Salmi di Israele cantano le meraviglie, la forza, il braccio di Dio che annienta i superbi e innalza i poveri, gli umili unendosi cos alla nostra esperienza: non gli idoli serviti e obbediti, non i tiranni di turno, non le false sicurezze possono colmare la fame e sete di giustizia. Solo Dio merita il nostro alleluia perch per porre fine alla nostra vergogna ha voluto partire dalle nostre povert: poveri di tempo di fronte alla morte; miseri di dignit di fronte al peccato; instabili nella umanit di fronte alla legge dell'istinto.
Dio si fa uno di noi, con il nostro linguaggio ci offre la chiave interpretativa della nostra umanit: la bella e buona notizia del Vangelo, inchioda alla croce il nostro peccato, con la sua risurrezione ci ricorda San Paolo "non muore pi". E continua: "Se siamo morti con Cristo, crediamo che anche vivremo con lui". l'alleluia della vita cristiana che al di l e al di dentro delle infinite prove della vita si riunisce per rendere grazie, benedire, lodare Dio che con Cristo, come Egli con noi, per Cristo, come Egli per noi, e in Cristo, come Egli, risorto, in noi, sale l'Alleluia del nuovo Popolo di Dio che ha il suo momento sorgivo nei passi delle donne che vanno al sepolcro e sono sconvolte dall'annuncio: Risorto! Da quel momento il cristiano uomo, donna che non ha pi paura. Dio ha vinto, Ges risorto e il suo Spirito, la sua forza, il suo coraggio ma anche la sua compassione, tenerezza, fiducia nell'uomo diventano la riserva di speranza per andare "in Galilea" a cercare sul volto di ogni uomo la sua fisionomia.
Di l, da questa notte, ha dunque inizio la nostra storia. La sorgente della risurrezione diventata fiume e dove arriva tutto riprende a vivere, tutto riprende bellezza e bont e su ogni riva dove c' un villaggio, una comunit sale il grido della gioia ritrovata perch donata: Alleluia!

3/4/21

Letture: Gen 1,12,2; Sal. 32; Es 14,1515,1; Es 15,1b-6.17-18; Is 55,1-11; Is 12,2-6; Rm 6,3-11; Sal. 117; M


Torna alla pagina iniziale
Visualizza tutte le omelie


don Ezio Stermieri
Le omelie