PARROCCHIA SS. ANNUNZIATA - VIA PO, 45 - 10124 TORINO - TEL. 011 817 14 23

orario messe - orario confessioni - orario ufficio

HOME

27/2/22 - VIII Domenica t.o. anno C


"Ges prese a dire ai suoi discepoli". Luca l'evangelista raccoglie nella prima comunit cristiana alcuni insegnamenti pratici, della vita quotidiana di Ges che, trasmessi, diventano l'humus educativo e formativo di coloro che sono diventati cristiani.
Risalta subito la novit, la differenza nel modo di insegnare di Ges rispetto a quello che va per la maggiore, basato sulla colpevolizzazione, sul negativo. Non cos Ges: "L'uomo buono dal buon tesoro del suo cuore trae fuori il bene". Il brano evangelico fa poi emergere tre ambiti della vita cristiana: il pensare, il guardare, il fare-l'agire.
"Un discepolo non pi del maestro". rovesciato il nostro modo di pensare. Quale allievo non sarebbe in grado di insegnare al suo maestro come fare? Un figlio, suo padre? Un cittadino, il politico? Un calciatore, l'allenatore della nazionale? L'invito dunque al rispetto della competenza, a cogliere nell'educatore il positivo, tenendo conto che a nostra volta, tutti, siamo, con la parola, l'esempio, trasmettitori di contenuti educativi, di quella che chiamata "correzione fraterna".
"Perch guardi la pagliuzza nell'occhio del tuo fratello"? Anche oggi siamo sommersi dalle denunce del male, del torto, dell'ingiustizia che vediamo negli altri. I social, i giornali, le riviste, il chiacchiericcio ci inondano di giudizi sprezzanti. Il cristiano comincia dalla trave che nel suo occhio. Il mondo cambia non se riesco a cambiare il fratello ma se cambio io nel mio piccolo o nel grande delle responsabilit che abbiamo. Ed educare, insieme, la generazione che sale presuppone un esame di se stessi per non invalidare quello che insegniamo.
"Non vi albero buono che produca un frutto cattivo". Se vero che ognuno porta le ferite, le incapacit nell'agire per i limiti educativi e formativi ricevuti, ed oggi soprattutto per non essere stati addestrati alla continuit, alla fedelt, all'appartenenza, ancora pi vero che quanto di buono c' in noi l'abbiamo ricevuto. Quanti esempi positivi portano in noi frutti di bene. Adesso tocca a noi, e non parlo solo di noi adulti, perch sappiamo il ruolo delle amicizie, delle compagnie, delle classi scolastiche, dei compagni del tempo libero. Siamo responsabili gli uni degli altri. Per questo il Siracide riassume il tutto nella relazione, nella parola, nel linguaggio che evidenzia il positivo e il negativo: "Il modo di ragionare dice il banco di prova per l'uomo".
San Paolo poi non necessita neanche un commento tanto lapidario nell'intrigante compito del convivere, dell'essere Chiesa, famiglia, societ: "Perci, fratelli miei carissimi, rimanete saldi e irremovibili, progredendo sempre pi nell'opera del Signore (interessante questo rilievo! Non solo in gioco un tipo di persona o societ ma il Regno di Dio!), sapendo che la vostra fatica non vana nel Signore".

27/2/22

Letture: Sir 27,5-8; Sal. 91; 1Cor 15,54-58; Lc 6,39-45


Torna alla pagina iniziale
Visualizza tutte le omelie


don Ezio Stermieri
Le omelie