PARROCCHIA SS. ANNUNZIATA - VIA PO, 45 - 10124 TORINO - TEL. 011 817 14 23

orario messe - orario confessioni - orario ufficio

HOME

16/4/22 - Sabato Santo - "in Resurrectione Domini", anno C


L'accensione del fuoco nuovo all'inizio di questa Veglia Pasquale illumina la notte nella quale noi pellegrini vaghiamo alla ricerca della nostra origine, del senso da dare agli anni che si susseguono, se esista un orizzonte, una meta che ci rimetta in piedi, risorti verso la quale procedere, una speranza che riscaldi questo enigmatico presente. Ed ecco il Cero. La luce che Cristo brucia le scorie delle nostre paure, ci riunisce in una comunit che alza il suo canto: felice notte che ci restituisce alla Fede.
E subito la Parola ci conferma. Il Creato che ci circonda, la natura nella quale siamo immersi ha i segni della bellezza e bont del suo Creatore. Non siamo il prodotto di una materia che nasconde in s un destino di morte. Dio ci ha plasmati e ha soffiato in noi il suo Spirito che vita, ha messo in noi, capaci di libert e di amore, la forza e il coraggio per attraversare i pericoli, le insidie, gli stessi fallimenti, le stesse guerre fratricide che insanguinano la terra da Caino ad oggi. Sfogliando la narrazione della storia emerge che non siamo soli. Dio alleato. dalla parte del debole, del vinto e apre una strada, sempre verso una Terra che pu diventare la casa comune dove diventare popolo, il popolo di Dio, noi: nuovo popolo di Dio.
Si tratta di mantenere il desiderio, la sete di un Dio che ha sete della nostra sete. Per questo benediremo l'acqua, fra poco, e nell'acqua dove anche noi siamo stati immersi immergeremo una nuova nascita, Giulia, facendo memoria che in quell'acqua Dio ci ha restituiti alla nostra vera identit di suoi figli, fatti a sua immagine e il Battesimo di Ges che fuoco affida a ciascuno il compito di essere luce nel mondo. Muoviamo dunque anche noi i passi del nostro spirito, della nostra ricerca, del nostro bisogno di essere amati e di saper amare verso la tomba dove risuona l'annuncio: Cristo vivo. risorto. Vi precede facendo strada, aprendo dunque la via che porta alla pace, al Vangelo: buona notizia che Dio non si stancato dell'uomo, del nostro cedere alla tentazione di essere nati per caso, di vivere nella delusione con la sola sensazione certa della morte. No! Egli divenuto solidale del nostro essere di carne perch la nostra precariet fosse intrisa di risurrezione, di ripartenza, di nuovo slancio, di rinnovato coraggio nell'affrontare la nostra quotidianit: "Ecco, io sono con voi, ogni giorno, fino alla fine del mondo", quando la fine presunta cambiata nel fine, nel perch, nel valore stesso della nostra vita.
Prorompe in questa notte il canto, la lode che si fa grido che sorpassa ogni divisione: supera le montagne, va al di l dei mari, naviga i fiumi, fa stormire le foreste, raggiunge ogni uomo: Alleluia, lodate Jahv, cantate al Dio fedele che nel Cristo Risorto ha portato a compimento la nostra salvezza. Rendiamo Grazie a Colui che, opera dello Spirito, ha destinato a risurrezione la nostra carne ed ora il pane, il vino sono Lui fatto cibo per il nostro avanzare nella storia. Non pi soli. Siamo la Chiesa, i dispersi raccolti da Lui perch quanto abbiamo ricevuto, educati ed istruiti nel credere, diventi il patrimonio, il valore trasmesso a quanti, chiamati alla vita, hanno il diritto di sapere quanto e come Dio ci sia Padre; quanto e come in Cristo ogni giorno diventi novit di vita; quanto e come lo Spirito del Risorto ci renda antidoto dei tanti mali che senza di Lui rimangono insuperati; quanto e come l'amore nella famiglia diventi indistruttibile, il perdono possibile e facile, la fraternit una evidenza, l'amore gratuito una normalit, la sofferenza uno stringersi a Lui e fonte di nuovi vincoli, lo stesso morire stare con Lui per sempre. Alleluia. S! Alleluia.

16/4/22

Letture: Gen 1,1-2,2; Sal. 103; Es 14,15-15,1; Es 15,1b-6.17-18; Is 55,1-11; Is 12,2-6; Rm 6,3-11; Sal. 117;


Torna alla pagina iniziale
Visualizza tutte le omelie


don Ezio Stermieri
Le omelie