PARROCCHIA SS. ANNUNZIATA - VIA PO, 45 - 10124 TORINO - TEL. 011 817 14 23

orario messe - orario confessioni - orario ufficio

HOME

24/4/22 - II Domenica di Pasqua, anno C


La Pasqua di Ges, la sua risurrezione sia nel senso che risorse, come Dio non pu morire, sia che fu da Dio risuscitato nella sua carne di uomo come noi, segna un intervento decisivo dell'Eterno nel tempo, nella vicenda umana. come se il tempo subisse una dilatazione in attesa del compimento finale: la risurrezione del nostro essere di carne, la vita eterna, espressa dalla liturgia in sette settimane di Pasqua che confluiscono nell'ottavo giorno, la Pentecoste: la salvezza che raggiunge l'umanit fino ai suoi confini.
Ed ogni domenica, da angolazioni che si incrociano, presenta il risultato storico della Pasqua, noi, la Chiesa. Cos oggi! Ecco anche noi davanti al Cristo dell'Apocalisse. Anche noi come Giovanni in esilio, in una Patmos che ci incatena alle vicende umane, spesso tragiche. Ed ecco la sua voce. Noi che dirigiamo lo sguardo verso Lui, ancora simile a noi ma avvolto nell'abito della divinit, con la cintura del servizio, la Croce, ora d'oro. il Kyrios, il Signore vincitore. Ecco ancora la sua parola: "Non temere! Io sono (non altro, o altri!) il Primo e l'Ultimo e il Vivente" che d vita. E la Chiesa solo davanti a Cristo pu avere la coscienza autentica della sua identit.
Questa Chiesa, continuazione del suo Vangelo della Carit, si incammina nella storia, arriva fino a noi e misura se siamo ancora autentici.
"Portavano dice Atti gli ammalati persino nelle piazze", "persone tormentate da spiriti impuri". E basta l'ombra di chi stato con Ges, gli apostoli allora, noi oggi, perch "tutti vengano guariti". il nostro compito, la nostra missione guarire dalla malattia della prepotenza che degenera in guerra, odio, armi, vendette E senza l'essere stati e rimanere con Lui ci rimarrebbe solo di decidere da che parte stare nella lotta per la roba. Con Lui la Chiesa diventa ospedale da campo che guarisce dalla paura, dalla solitudine, dai fallimenti perch depositaria dello spirito per risorgere.
Noi? Ma se noi stessi ammalati dalla febbre del tempo che viviamo siamo tanti "Tommaso" che se non vede non crede, se non tocca con mano dubita. Noi come Tommaso cos intermittenti, a bassa energia che crediamo ancora solo perch andiamo e veniamo?
Egli, il Risorto, di otto giorni in otto giorni, il Vivente, il Presente ci convoca: "Metti qui il tuo dito": metti le tue mani a servizio non solo di te ma per fare del bene. "Metti la tua mano nel costato dal quale sei nato nell'acqua e nel sangue che vita nuova". E non pu che essere nostra la sua professione di fede: "Mio Signore, mio Dio". Di questo abbiamo bisogno ed urgenza non solo per noi ma per la "piazza" dell'umanit in cui siamo posti. Non gelosi della fede, che non nostra ma per tutti, ma guaritori di una umanit che non si rassegna delle sue disgrazie.

24/4/22

Letture: At 5,12-16; Sal 117; Ap 1,9-11.12-13.17.19; Gv 20,19-31


Torna alla pagina iniziale
Visualizza tutte le omelie


don Ezio Stermieri
Le omelie