PARROCCHIA SS. ANNUNZIATA - VIA PO, 45 - 10124 TORINO - TEL. 011 817 14 23

orario messe - orario confessioni - orario ufficio

HOME

8/5/22 - IV Domenica di Pasqua, anno C


Festa Prime Comunioni

quasi immediato per tutti noi accostare la visione di Giovanni nell'Apocalisse: "Vidi una moltitudine stavano in piedi davanti all'Agnello, avvolti in vesti candide", vedere in mezzo a noi questi piccoli con l'abito battesimale che entrano nella moltitudine che prende forma qui sulla terra, nelle nostre famiglie ma destinata ad una liturgia di lode, di grazie, di gioia nel "per sempre" che Dio ha inverato nella morte e Risurrezione di Ges. Anche questi ragazzi hanno lavato le loro vesti, leggi la loro dignit umana di uomini che sono oltre la nudit dell'istinto, dell'aggressivit, e, inseriti nel Battesimo nella Chiesa, la loro vita fa tutt'uno con la vita, il sangue dell'Agnello. Anche su di loro, oggi, si stende la tenda dove Ges-Pastore li accoglie, prepara la mensa, li consacra (Ps 23) e guider per tutta la loro vita. Asciugher ogni lacrima. Insegner a non rifiutare la fatica della vita ma che le difficolt si superano con lo Spirito di Risurrezione con il quale li avvolge.
Ges stesso che dice a voi che oggi siete in festa per l'incontro con Ges che per fare tutt'uno con voi si fa pane. Non dovete dimenticare che Egli vi conosce, cio vi ama, sa che talvolta non facile essere buoni ma sa che con lui potete diventare quello che il suo sogno su ciascuno di voi. Avete sentito Ges: "Io do loro la vita eterna e non si perderanno". Niente e nessuno cos forte da strapparli dalle sue mani, dall'essere dei suoi, essere e diventare cristiani. Continua Ges affermando che Lui e il Padre sono una cosa sola per dire che d'ora in poi anche Ges sar, se lo volete, una cosa sola con voi in famiglia, a scuola, quando giocate, quando dovrete sopportare le prove della vita, quando farete le scelte importanti della vita.
Dove arrivate voi, dunque, arriva Ges. Questa verit pi vera non pu che riempire tutta questa comunit di orgoglio nella iniziazione a Ges, di gioia vedendo in voi il proprio futuro, di impegno, a partire dai vostri genitori per impedire che l'essere cristiani sia una categoria del passato, una nostalgia dei mulini bianchi ma una dedizione che coinvolge tutti, ognuno secondo il dono ricevuto.
Basta riascoltare il racconto dei primi passi della Chiesa (Atti). tutto un fervore che spinge al cammino, all'arrivare, al testimoniare. tutto un aiutare: "Cercavano di persuadere a perseverare nella Grazia di Dio". il constatare come "la parola del Signore si diffondeva" perch non solo il male, le parole cattive, gli esempi sconcertanti dilagano. Dove c' un cristiano si allarga l'alternativa che concretamente possibile anche oggi essere credenti, appartenenti al Signore, seguirlo come pastore-guida della vita. Anche oggi come allora possibile quanto ci riferito: "I discepoli erano pieni di gioia e di Spirito Santo".

8/5/22

Letture: At 13,14.43-52; Sal 99; Ap 7,9.14-17; Gv 10,27-30


Torna alla pagina iniziale
Visualizza tutte le omelie


don Ezio Stermieri
Le omelie