PARROCCHIA SS. ANNUNZIATA - VIA PO, 45 - 10124 TORINO - TEL. 011 817 14 23

orario messe - orario confessioni - orario ufficio

HOME

20/1/19 - II Domenica t.o. anno C


Se la celebrazione del Mistero dell'incarnazione con le sue "epifanie": Dio che si fa tutt'uno con il nostro essere di carne, si fa guida di un'unica storia di salvezza per tutti i popoli, avvia una Signoria nuova con un nuovo battesimo che ci fa cittadini del Regno di Dio, rivela che non siamo soli nella lotta di ogni giorno: Dio in Cristo ci alleato, l'ascolto odierno della Parola mette al nuovo quadro della vita, al quotidiano ricamo, una cornice che dice la preziosit dell'icona della nostra esistenza: l'incarnazione segna le nozze di Dio con l'umanit.
lo stesso brano evangelico or ora ascoltato a rivelarcelo. Il racconto storico va al di l della cronaca di un avvenimento successo a Cana. Giovanni dice che l avvenuto il primo segno, meraviglia, miracolo. il compimento del sesto giorno di cui le sei giare piene d'acqua diventano simbolo. Nel ricreare l'umanit nel giorno dell'uomo, il Messia, Cristo, Ges parte da una unione d'amore e la sua presenza rende gioia la vita dell'uomo e della donna perch va al di l dell'istintivit per scoprire l'amore, supera l'incertezza perch vi fa scorrere la fedelt di Dio, lo preserva dalla frustrazione perch vi assicura la fecondit. Ma quello che diventa la realt nel microcosmo di ogni famiglia ha la sua sorgente nel macrocosmo dell'umanit intera.
L'incarnazione l'avverarsi del desiderio umano espresso da Isaia: "Per amore non tacer". Sarai chiamata, dice Dio, lo sposo, all'umanit, la sposa, non pi abbandonata ma "sposata". La tua terra avr uno sposo. "Come gioisce lo sposo per la sposa, cos il tuo Dio gioir per te". Se questo il progetto Dio che incornicia tutta l'umanit in un per sempre d'amore, noi cristiani, nell'ascolto della Parola, impariamo la dinamica di questo avverarsi. Come l'Antico Popolo era chiamato ad essere segno di amore e benedizione per tutti i popoli ed Israele legge nel Cantico la sua storia, il suo divenire come un andare verso, un fidanzamento che conduce alle Nozze, noi cristiani scopriamo in Ges lo Sposo (Egli stesso si definisce cos!) e l'essere suo popolo come diventare tutt'uno con la sua missione perch, secondo il suo ordine, l'annuncio del Vangelo arrivi a tutta l'umanit.
Per questo, ricorda Paolo, il Risorto ci ha dato il suo Spirito, per questo lo Spirito raggiunge ciascuno con un particolare, unico dono per il bene comune: la famiglia umana. Per questo non si pu far parte della sua famiglia, essere sua sposa, la Chiesa, e non collaborare responsabilmente perch ogni uomo si sappia amato, figlio, partecipe, redento e salvato. Abbiamo sentito la variet e la ricchezza dei compiti che Cristo affida come Sposo alla sposa: tutte cose operate dall'unico e medesimo spirito. Lo stesso che vive poi nel Sacramento della famiglia, lo stesso che fa di ogni comunit cristiana una famiglia, la sposa che altro non fa che attendere, accogliere, gioire, soffrire con lo Sposo.
Portiamo le anfore con l'acqua che potrebbe annegare, far marcire ogni sogno o progetto di vita ed Egli che la gioia dar frutto, sostanza, salvezza alla nostra vita. Per questo venuto: per essere lo Sposo.

20/1/19

Letture: Is 62,1-5; Sal 95; 1 Cor 12,4-11; Gv 2,1-12


Torna alla pagina iniziale
Visualizza tutte le omelie


don Ezio Stermieri
Le omelie