PARROCCHIA SS. ANNUNZIATA - VIA PO, 45 - 10124 TORINO - TEL. 011 817 14 23

orario messe - orario confessioni - orario ufficio

HOME

14/4/19 - Domenica delle PALME anno C


In un solo giorno, questo, detto domenica delle Palme, la Chiesa ci fa rivivere con i suoi riti il senso orientativo della vita e partecipare al nucleo infuocato d'amore della nostra fede.
Ci siamo messi in cammino, e la vita cammino, ma non quello individuale dove ciascuno cerca la sua strada, il modo di percorrerla, dandovi, se lo trova, un senso ma cammino-processione di un popolo che rivive il giorno in cui Ges entrando in Gerusalemme, come ci narra il Vangelo, stato riconosciuto, acclamato Messia, inviato da Dio che ha pensieri di pace e non di afflizione. Con l'ulivo in mano ci siamo riconosciuti gente che porta la pace, che segnata dal fuoco che, bruciato l'ulivo, sulla fronte, all'inizio della Quaresima, ha deciso di vincere ogni divisione, superare ogni forma di egoismo per vivere la Pasqua, il passaggio di Dio della nostra vita per farci Chiesa, nuovo popolo del Risorto. Cos ci siamo stretti attorno all'altare perch dall'Eucaristia, dal Signore a mensa con noi che viviamo l'ora di Ges e nostra; il suo desiderio, che il Vangelo ci ha testimoniato, diventa il nostro e il "fate questo in memoria di me", fino al suo ritorno, riempie il cammino della vita di un coraggio, una forza, una identit che senza separarci dal resto della citt ci d l'identit di un popolo dell'alleanza, dell'amicizia, della comunione, del dono di s capace di immettere un capitolo nuovo nella storia dell'umanit.
Siamo allora stati invitati ad un altro cammino, non da soli, ma con Lui fin sotto la Croce dove se solo siamo capaci di dire: "Ricordati di me", Egli apre anche per noi l'estuario della vita: "Oggi sarai con me in Paradiso". Su quella strada al tradimento di Giuda, al rinnegamento di Pietro, al fraintendimento degli Apostoli aggiungiamo i nostri, tanti o pochi, ma con una nuova certezza: il dono che Egli sta per compiere sulla croce, perch noi siamo liberi e perci liberati, pi grande di ogni peccato.
Il nostro stordimento, addormentarci dei momenti difficili, la nostra fuga perch impauriti dalla responsabilit del credere, non interrompe la sua consegna e l'essere stati dei suoi ci mette dentro la voglia del ritorno. Egli ci precede in Galilea, tra la gente di ogni giorno perch come cristiani cerchiamo su ogni volto la sua fisionomia e cos ci riscopriamo fratelli. Entriamo con Lui nei luoghi dove ribadita la sua condanna. Ha preso su di s ogni nostra solitudine, incomprensione, condanna. Egli entra nel silenzio. Di l in avanti gli interessa solo il Padre e il fare la sua volont. Quale ammaestramento per i momenti difficili. Gli si preferisce un terrorista, Lui che passato facendo del bene a tutti. Uno di passaggio prende, non per scelta, la sua Croce e cos dice a noi di non disperare ma di accorgerci di chi ci aiuta a portare le Croci, anzi di farci noi stessi Cirenei gli uni per gli altri. Ed eccolo, eccoci ai piedi di Lui Crocifisso. l'ora del buio, della notte, della morte. Eppure proprio in quel momento il velo del tempio si squarcia. Finalmente vediamo oltre, grazie a Lui, finalmente il cammino della vita si apre alla luce di quel Dio-Padre di cui Egli si fatto testimonianza. Finalmente! La nostra vita non un girare in tondo, storditi. Finalmente la meta. Diventare come Dio ci aveva pensati e voluti nel paradiso, l'Eden primigenio: "Oggi sarai con me in Paradiso".
Che cosa la vita? quel "sabato", quella vigilia, quell'attesa dove ci dice Luca: "Tutti i suoi conoscenti che lo avevano seguito, stavano da lontano a guardare tutto questo". Guardare, vedere. questo il senso della vita e della fede. Anche noi come i greci vogliamo vedere Ges, perch vedere vedere la salvezza e questa Domenica ne la narrazione e la primizia.

14/4/19

Letture: Is 50,4-7; Sal.21; Fil 2,6-11; Lc 22,14-23,56


Torna alla pagina iniziale
Visualizza tutte le omelie


don Ezio Stermieri
Le omelie