PARROCCHIA SS. ANNUNZIATA - VIA PO, 45 - 10124 TORINO - TEL. 011 817 14 23

orario messe - orario confessioni - orario ufficio

HOME

28/4/19 - II Domenica di Pasqua anno C


la stessa Parola di Dio, di questa seconda domenica di Pasqua, a sospingersi alle sorgenti del nostro essere Chiesa in gestazione nella predicazione del Ges della storia che annuncia l'avvento nella sua persona del Regno di Dio e nata, radunata, dal Cristo risorto. La narrazione di quei primi momenti, prima che la fonte divenisse fiume che solca la storia e coinvolgesse anche noi, tutto un brulichio, un fermento, un succedersi di fatti che a riscoprirli mettono in movimento il nostro stagnante procedere verso il mare, l'oceano di quando la visione dell'Apocalisse (seconda lettura) sar realt. Ma per oggi, per noi la parola: "Non temere! Io sono il primo e l'ultimo, e il Vivente. Ero morto, ma ora vivo per sempre e ho le chiavi della morte e degli inferi". attorno a questa certezza che si coagulano i primi credenti, esiliati s come Giovanni a Patmos perch ritenuti un pericolo per il sistema sociale, sono s nella tribolazione ma ormai nel Regno e nella Signoria di Ges e perci vincitori, pi forti di ogni insidia alla coscienza e alla libert dell'uomo.
Gli Atti degli Apostoli che segnano i primi passi di coloro che saranno chiamati cristiani attestano che "molti segni e prodigi avvenivano fra il popolo per opera degli Apostoli"; riferiscono che "sempre pi venivano aggiunti credenti al Signore"; ci documentano che portavano gli ammalati persino nelle piazze e bastava l'ombra dei testimoni di Ges perch la forza di guarigione del Signore provocasse la guarigione. In una parola, il male arretra dalle persone tormentate da spiriti maligni e il Regno avanza.
Il Vangelo poi di Giovanni attesta da dove veniva questa forza della prima ora della Chiesa. Fin da subito nel giorno del Signore (la domenica) si lasciano radunare dal Risorto (la sera di quel giorno otto giorni dopo e cos via fino a noi!). vero, si riuniscono a porte chiuse, per paura ma il Signore che sta in mezzo a loro reca la pienezza del dono: la Pace. Spalanca le porte: "Come il Padre ha mandato me, anch'io mando voi. Ricevete lo Spirito Santo". Li manda con una missione precisa in un mondo di contrapposizioni ed egoismi: portare il perdono che spezza le catene del male e d inizio a uomini, donne, giovani capaci di sciogliere il male e di mettere insieme tutto ci che buono. vero, tra di loro c' anche Tommaso che ci rappresenta cos bene, noi che ci affidiamo a quanto si constata e si misura e renitenti ad accettare che la verit la costruiamo con tanto di buona volont. Ges si lascia vedere, toccare purch ci si decida a cercarlo e vederlo in ogni fratello, purch la fede non rimanga un fatto intimo, privato, soggettivo ma diventa testimonianza che sfida ogni pericolo.
Conclude Giovanni che i fatti raccontati di quel primo credere, primo riunirsi, primo testimoniare "sono stati scritti e diventano per noi parola di Dio indubitabile perch crediate che Ges il Cristo, il Figlio di Dio, e perch, credendo, abbiate vita nel suo nome". Ritorniamo dalla sorgente al nostro scorrere lento nella storia. Quanta siccit appena oltre le sponde, talmente devastante che neanche pi si crede che l'acqua esista. Quanti ristagni nello stesso fiume, tanto che ci sono pi alghe che pesci!
Non forse ora per noi e per tutti che irrompa quella sorgente che il Risorto attorno al quale riprendere il fervore del trasmettere, la fretta della carit, la bellezza della reciprocit, l'ansia missionaria che cerca e crea nuovi torrenti per arrivare all'uomo di oggi? Tutto ritorna autentico e vero se, come Tommaso, davanti al Cristo sappiamo dire: "Mio Signore e mio Dio!". in questa esclamazione credente che contenuta la forza del tutto e tutta la forza.

28/4/19

Letture: At 5,12-16; Sal 117; Ap 1,9-11.12-13.17.19; Gv 20,19-31


Torna alla pagina iniziale
Visualizza tutte le omelie


don Ezio Stermieri
Le omelie